Gupta Sadhana Tantra

Il Tantra delle pratiche segrete

 

 

Il Gupta Sadhana Tantra è un piccolo trattato di paternità sconosciuta, probabilmente risalente al 13° secolo, una gemma di straordinaria brillantezza che era profondamente immersa nella polvere dell'ignoranza e disponibile solo in forma scritta a mano. Il testo è esposto in dodici brevi Patala (capitoli) e, a giudicare dalle pratiche che raccomanda e sostiene, è certamente di origine Vamachara (Via della Mano Sinistra). Questo Tantra è una guida preziosa per il sacro sentiero del Kula Sadhana.

Il Gupta Sadhana Tantra guida i Sadhaka di elevazione superiore cioè coloro che sono oltre il Pashubhava (attitudine animale). Un "pashu" è legato dai "pasha" (insidie, trappole, ostacoli). Pashupatinath (il Signore dei Pashu, uno dei vari nomi di Shiva) libera i "pashu" dai "pasha".

Il Gupta Sadhana Tantra rivela i significati nascosti del Pancha Makara Sadhana e alla fine rivela il fine ultimo della nascita umana che è l'emancipazione. Il Kula Sadhana è l'unico sentiero in cui i Sadhaka godono del meglio di entrambi i mondi, del piano materiale e di quello spirituale. Come il Yoni Tantra, elenca, con lievi cambiamenti, le navakanya (nove fanciulle) che sono incoraggiate a prendere parte al culto tantrico. Invece di donne mature, il testo privilegia le belle figlie di buona condotta, provenienti dalle caste e professioni menzionate nello Yoni Tantra.

In questo Tantra si afferma chiaramente che l'iniziazione di un precettore femminile non è solo consentita, ma salutare e favorevole al raggiungimento di tutti i desideri. D'altra parte, il testo chiarisce anche che si dovrebbe adorare il Lingam.

Il Capitolo IV descrive una scorciatoia o Strada Reale, per gli uomini, verso il raggiungimento dell'amore e della ricchezza, la libertà dalle malattie e la sconfitta dei propri nemici. La descrizione viene eseguita come segue: La propria o la moglie di un altro, che è iniziata, libera da odio e vergogna, è venerata tra cui il lavaggio dei suoi piedi e la recitazione dei mantra sulle varie parti del suo corpo.

La Shakti deve essere vista come una divinità, e il devoto dovrebbe immaginarsi come il dio Shiva. Poi dovrebbe mettere le foglie di betel nella sua bocca e nella propria, e con il suo permesso eseguire il maithunam secondo le regole. Al momento della copulazione, lo sperma dovrebbe essere offerto alla dea Mahadevi.

Il Tantra Marga è il modo più diretto per raggiungere gli obiettivi della vita, senza dubbio. Ma la più importante precauzione è quella di non lasciarlo cadere nelle mani sbagliate. Questo è il motivo per cui i componenti essenziali dei Sadhana sono sparsi in molti Tantra, e le parti importanti sono ben codificate. I Tantra legano i Sadhaka con giuramenti, per non rivelare i segreti ai non iniziati. È solo attraverso una adeguata guida che il risveglio di un discepolo è assicurato. Il Gupta Sadhana Tantra è una guida molto affidabile, ma solo attraverso il proprio Guru dovrebbero essere seguiti i suoi insegnamenti.

 

SANSCRITO

 

Riassunto del Gupta Sadhana Tantra

 

Capitolo I

Seduti sulla cima del monte Kailash, in Himalaya, Shiva in compagnia della moglie Parvati iniziano una discussione. La Devi dice di aver sentito parlare della grandezza del sentiero dei Kula, ma ora vuole saperne di più. Shiva dice che siccome è il suo schiavo, e per l’amore che ha per lei, le dirà ciò che richiede. Kulachara, egli dice, è una grande conoscenza e dovrebbe essere tenuta nascosta, in particolare da quelli con una disposizione Pashu (simile ad un branco di animali), nello stesso modo in cui la Devi nasconderebbe a loro le sue parti intime. Kulachara, egli dice, è l'essenza dei Veda, dei Purana e degli altri Shastra, ed è molto difficile da ottenere. Anche se si avessero decine e decine di milioni di bocche, non si sarebbe in grado di descrivere la magnificenza del sentiero dei Kula. Shakti, egli dice, è la radice dell'intero universo, che pervade tutto, ed è la causa della conoscenza che sorge in un Sadhaka. Conoscere la Shakti porta felicità in questo mondo e fa sì che un Sadhaka si dissolva nel corpo di Shakti. Successivamente, Shiva dice che la Kulashakti dovrebbe essere adorata con i Cinque Makara: Madya (vino) - Māṃsa (carne) - Matsya (pesce) - Mudrā (grani) - Maithuna (unione). Descrive poi le Shakti adatte a questo culto: una danzatrice, una Kapalini, una prostituta, una lavandaia, una parrucchiera, una Brahmani, una Shudrani, una fanciulla Bhopala e una fioraia. Queste sono le nove Kulashakti tantriche.

 

Capitolo II

Parvati replica che vuole saperne di più sul Sadhana e si prodiga in un elogio del Guru. Dice che il Guru è Brahma, Vishnu e Rudra ed è il supremo rifugio. Il Guru è Tirtha (luogo del bagno sacro), il Guru è Tapas (austerità religiose), il Guru è fuoco, il Guru è il sole e consiste nell'intero universo. Chiede con quale mantra e in quali modi il Guru dovrebbe essere servito e adorato. Chiede anche quale sia la sua immagine di meditazione. Shiva risponde che alle donne, a causa della loro natura emotiva, non si dovrebbero rivelare segreti. Tuttavia, per il suo amore per lei, le dirà dell'immagine della meditazione e della natura del Guru. La avverte anche che tutto questo non dovrebbe essere rivelato ai Pashu. Dice che proprio come Kula rappresenta Shakti, quindi Akula rappresenta Shiva. Una persona che si dissolve in Shakti è chiamata Kulina. Questo è un riferimento all'idea che Shiva sia testimone, inerte, un cadavere, ed è Shakti, Kula, che crea, mantiene e distrugge l'universo. Il guru è il cerchio di Kula, e uno dovrebbe inchinarsi al Guru e visualizzarlo seduto al centro di un grande loto che ha il colore di una luna autunnale. Ha un viso come la luna piena, indossa abiti celestiali ed è profumato da profumi paradisiaci. È unito alla seducente Suradevi, alla sua sinistra, e le sue mani mostrano i mudra che danno benefici e dissipano la paura. È contrassegnato con ogni segno di buon auspicio, ed è situato nel grande loto di 1.000 petali sulla testa. Shri Parvati chiede quindi a Shiva di dirgli di più. Vuole conoscere l'immagine meditativa della Shakti del Guru. Shiva risponde che è come il loto rosso, indossa bei vestiti rossi, ha una vita sottile ed è adornata con gioielli rossi e un diadema rosso. Assomiglia allo splendore della luna autunnale, indossa bellissimi orecchini lucenti e si siede a sinistra del suo signore (Nath). Mostra i gesti che danno benefici e dissipano la paura e tiene un loto in una delle sue mani.

 

Capitolo III

In questo capitolo Parvati chiede a Ishvara, che riconosce come colui che dona la liberazione, il signore del respiro e Mahadeva, riguardo agli atti preparatori (Purashcharana) che i Sadhaka devono intraprendere. Come nel Kankalamalinitantra, Shiva afferma che il modo di compiere il sadhana del grande mantra avviene attraverso la propria volontà. Le regole riguardanti l’esecuzione del culto durante il giorno o la notte qui non si applicano. Il Sadhaka dovrebbe recitare il mantra al mattino e a mezzogiorno e, dopo aver eseguito la Puja, dovrebbe recitare nuovamente il mantra al crepuscolo serale. La sera, il sadhaka offre cibo e altre offerte secondo la sua volontà. Dopo averlo fatto, il migliore dei Sadhaka dovrebbe anche recitare il mantra nel cuore della notte. Insieme alla sua Shakti, dovrebbe recitare il mantra. Unito alla sua shakti, il mantra dà siddhi, e non altrimenti, dice Shiva. Non ci sono Siddhi senza una Kulashakti, nemmeno tra migliaia di milioni di anni. Dopo aver adorato la Kumari, il Sadhaka dovrebbe offrirle cibo e simili e recitare il mantra 108 volte. Dopo averlo fatto, si dovrebbe dare Dakshina (dono) al Guru, come oro e vestiti. Senza la completa soddisfazione del Guru, il successo nel mantra non può essere ottenuto. Ottenere il successo significa che si diventa come Bhairava o Shiva stesso.

 

Capitolo IV

Questo capitolo tratta della Shakti e delle sue caratteristiche. Shankara dice che potrebbe essere la propria Shakti o un'altra. Dovrebbe essere giovane e intelligente, e dovrebbe essere libera dalla vergogna (lajjā) e dal disgusto (ghṛṇā). Dopo aver usato i cinque elementi secondo la regola, il Sadhaka dovrebbe recitare il mantra ponendolo 108 volte sulla testa, 108 volte sulla fronte, 108 volte dove i capelli sono divisi al centro, 108 volte sulla bocca, 108 volte alla gola, 108 volte nella regione del cuore, 108 volte per ciascuno dei suoi seni, 108 volte per l'ombelico e 108 volte per la Yoni. Dopo averlo fatto, il Sadhaka dovrebbe pensare a sé stesso come uno con Shiva, e usando il mantra di Shiva dovrebbe adorare il suo lingam. Masticando Tambula (pan), e con beatitudine o eccitazione nel suo cuore, dovrebbe mettere il suo Lingam nella Yoni della Shakti. Dovrebbe poi offrire la sua Atma (il Sé), insieme al Dharma, all'Adharma e a tutto sé stesso convogliandolo nel Sushumna Nadi usando un mantra che termina con Svaha. Quindi, mentre è ancora unito alla sua Shakti, dovrebbe pronunciare il mantra 108 o 1.008 volte. Dovrebbe quindi offrire il pieno sacrificio, che qui implica l'orgasmo, con il mantra, che termina di nuovo con Svaha. Il seme che scorre da questo orgasmo dovrebbe quindi essere offerto alla dea Mahadevi. Si può notare qui che questo intero processo, sebbene espresso in termini esplicitamente sessuali, può anche riferirsi alla beatitudine quando la Kundalini sorge attraverso la Sushumna Nadi e i Chakra. Chiunque compie l’adorazione secondo questo metodo, dice Shiva, si libererà dalla malattia, diventerà ricco e uguale al dio dell'amore Kama. I suoi nemici saranno tutti sconfitti, e otterrà successo sulla terra, e diventerà pari a Shiva stesso.

 

Capitolo V

Dopo tutta questa eccitazione, Parvati vuole sapere degli atti preparatori, e quante volte il mantra dato al discepolo dal guru dovrebbe essere recitato nei mesi dopo l'iniziazione. Shiva dice che durante il primo mese, il mantra dovrebbe essere recitato 600.000 volte, nel secondo mese 1.200.000 di volte, e nel terzo mese 1.600.000 di volte. Nei mesi quarto e quinto, il numero è 3.000.000 di volte per ciascuno. Nel sesto mese, il mantra deve essere recitato 3.600.000 volte, e nel settimo mese, 4.200.000 volte. Nell'ottavo mese, Japa è 4.400.000 volte, e nel nono mese 5.400.000 volte. Nel decimo mese dovrebbe essere recitato 6.000.000 di volte, mentre nell’undicesimo mese il numero si allunga fino a 6.500.000 volte. Nel momento in cui viene raggiunto l'ultimo mese dell'anno, il mantra deve essere recitato 10.000.000 volte. Shiva dice che solo recitando il mantra molte volte si avrà successo. Oltre ad adorare la Shakti nel modo descritto nel quarto capitolo, il Sadhaka deve anche adorare le Kumari, o vergini, nutrendole e così via. Shiva afferma che senza Shakti, ha la forma di un cadavere, mentre quando è unito alla Devi, è Shivo-ham.

 

Capitolo VI

Parvati vuole ora conoscere la forma Dakshina di Kalika, che lei descrive come la dispensatrice di Siddhi e che in tutti i tre mondi è molto difficile da conoscere. Shiva dice che rivelerà queste informazioni, descritte anche nel Kalitantra e nel Yamalatantra. Dice che conoscere l'essenza di Dakshina Kali libera un individuo dall'oceano dell'essere e dice che Bhairava è il Rishi che ha rivelato il mantra che dovrebbe essere pronunciato nella metrica Uṣṇik (28 sillabe; 2 versetti di 8; uno di 12 sillabe). Shiva dà la chiave (kilaka), la shakti e altri dettagli e dice che l'applicazione del mantra sono i quattro fini o scopi di tutti gli esseri umani, Dharma (virtuosità), Artha (benessere, salute), Kāma (piacere, desiderio), e Moksha (liberazione). Dice anche alla Devi che ha già dato il mantra completo nel Kalitantra. Devi risponde quindi chiedendo dei diversi elementi nella Puja inclusa la meditazione, del luogo di culto, delle diverse Asana (posizioni, posti) chiamate Ālīḍha e Pratyālīḍha (tipi di posizione eretta), del campo di cremazione e delle notti in cui Kali dovrebbe essere adorata. Risponde che un candidato dovrebbe essere un Adhikāri (chi detiene l'autorità o il diritto), che è competente o ha il diritto di adorare Kalika, e dovrebbe fare una Puja quotidiana dedicata al suo guru, o al figlio del guru o alla shakti del guru. Senza questo, il frutto della Puja del Sadhaka viene preso dai Raksha e dagli Yaksha. Al guru e alla sua famiglia devono essere offerti il ​​frutto della Puja ed essere soddisfatti in ogni modo. Le posizioni di Ālīḍha e Pratyālīḍha sono la forma di Kali come distruttrice e ingannatrice dell'universo, la forma di Kali come il fuoco stesso, e così situata nel campo di cremazione. Eseguendo tutto questo secondo le istruzioni del guru, si ottengono i quattro scopi dell'umanità. La Puja si dovrebbe fare in un campo di cremazione, di notte, all’ora del secondo ghatika (un ghatika = 24 minuti) dopo la mezzanotte. Nella grande notte di Kali, si dovrebbe eseguire la Puja a mezzanotte, usando i cinque Bhava, che qui significano i Cinque Makara, come parte del Vira Sadhana. Adorare in tempi diversi e nei diversi velas dà risultati diversi. Coloro con predisposizioni divine ed eroiche (Bhava), dovrebbero eseguire la Puja usando i cinque Tattva, a mezzanotte, per ottenere i risultati più alti e liberarsi dal tempo.

 

Capitolo VII

Il capitolo si apre con una specie di bisticcio tra Shiva e Parvati. La dea vuole saperne di più sul Tattva e chiede a Shiva, se ha amore per lei, di rivelare questi dettagli. Shiva replica che lei stessa è il supremo Tattva, mentre lui è un disperato ed è da lei che l'ha preso. Devi lo esorta a parlare, e dice che in passato ne ha già parlato in molti Tantra. Shiva le chiede allora perché lei continua a fare continue domande. Dopo un altro breve scambio, Shiva si lancia direttamente nella questione. Rivela un mantra purificante a cinque sillabe che dice è nascosto in tutti i Tantra e che si riferisce ai cinque elementi del rituale nascosto. Poi descrive come questo influisce sui diversi adoratori. I bramini, dice, si dissolvono nel Tattva supremo, proprio come l'acqua scorre nell'acqua; Gli Kshatriya raggiungono l'unità (Sahayoga); I Vaisya guadagnano l'uguaglianza con la Devi, i Sudra dimorano eternamente nel cielo della Devi; mentre altri raggiungono l'uguaglianza con il Supremo Tattva. Maggiori dettagli, dice, possono essere trovati nel Nilatantra, e in altri Āgama.

 

Capitolo VIII

Questo capitolo descrive un Chakra che può essere usato per decidere se un dato Mantra avrà successo. Poi segue una descrizione delle basi utilizzate per Puja. Queste possono essere yantra, gemme, immagini o uno Shivalingam. A differenza di altri Tantra, questo lavoro raccomanda che la Puja con il Lingam sia eseguita solo quando il lingam è fatto di una sostanza permanente. Il Todala Tantra raccomanda che gli Shivalingam siano fatti di argilla. Questo capitolo ha solo 22 versetti.

 

Capitolo IX

Questo intero capitolo è dedicato al culto di Dhanada Lakshmi. Include il suo Mantra, Yantra, Puja, Kavacha e altri dettagli rituali. Dhanada conferisce ricchezza al devoto.

 

Capitolo X

Si occupa del culto della Dea conosciuta come Matangi. contiene l'inno di Matangi, Kavacha e il Mantra. Matangi conferisce i quattro fini o scopi di tutti gli esseri umani, Dharma (virtuosità), Artha (benessere, salute), Kāma (piacere, desiderio), e Moksha (liberazione).

 

Capitolo XI

Questo breve capitolo copre la ghirlanda di lettere, di 50 lettere dell'alfabeto che costituiscono il corpo della dea. Si occupa anche del Rosario e descrive le diverse sostanze dalle quali può essere modellato. Questi includono cristallo, legno di sandalo rosso e semi della pianta Rudraksha. Il miglior rosario è fatto di teschi umani. La recitazione interiore del mantra è più potente del Japa esterno.

 

Capitolo XII

Il Mantra conosciuto come Gayatri è descritto in questo capitolo. I quindici versi descrivono il Gayatri come il più grande di tutti i mantra.

 

Avere questo Tantra in casa propria protegge da tutte le disgrazie e porta alla liberazione.

 

 

 

Mahanirvana T. Mahanirvana T. ita Vijñana Bhairava T. Shakti and Shakta Nasadiya Sukta Shiva Sutra Spandakarika Tantraloka Viveka Chudamani Yoni Tantra Gupta Sadhana T. Ucchishta Ganapati Meditazioni


 

     Bookmark and Share

 

 

Creative Commons License

Precedente Home Successiva

AGHORI BREVE STORIA GRANDE MADRE SADHANA CHAKRA AYURVEDA CORSO DI YOGA EVENTI GALLERIA SITI CONSIGLIATI CONTATTACI GUESTBOOK SITE MAP PDF IN ITA

Privacy Policy